deutsch
english
francais
italiano
espanol
Photo
OGM

GreenReport.it, 9 aprile 2014

Referendum in una contea dell’Oregon preoccupa le Big Ogm

Da Monsanto e cinque Big 455.000 dollari per evitare il No agli Ogm

La Contea di Jackson, nell’Oregon, ha indetto per il 20 maggio un referendum per limitare la coltivazione di piante Ogm (geneticamente modificate) sul suo territorio e 6 grandi multinazionali si sono mobilitate per far fallire l’iniziativa. Monsanto ha investito nella campagna elettorale pro-ogm 183.294 dollari, DuPont Pioneer 129.647; Syngenta 75.000, Bayer, BASF e Dow AgroSciences, 22.353 ciascuna. In tutto fanno 455.000 dollari finiti nelle casse del Good Neighbor Farmers, un comitato di azione politica contro l’iniziativa promossa da ambientalisti e cittadini per proibire «La propagazione, coltivazione, aumento o crescita di piante da ingegneria genetica nella Contra di Jackson», come scrive The Oregonian.

Una così cospicua quantità di denaro investita per un referendum locale si spiega con il rischio che il no agli Ogm aprirebbe per le multinazionali. Le donazioni delle Big Ogm hanno aiutato chi si oppone al referendum a fare una martellante campagna sui media e da sole sono quasi quanto è riuscito a raccogliere la gran parte del bilancio di 556.000 dollari che avrebbe ricevuto il Good Neighbor Farmers, mentre GMO Free Jackson County, il comitato che appoggia l’iniziativa anti-Ogm, e la Our Family Farms Coalition, dispongono insieme di 102.368 dollari, raccolti porta a porta.
Proprio perché aveva già indetto il referendum, la Contea di Jackson è l’unica dell’Oregon a non applicare sul suo territorio la legge sulla regolamentazione delle sementi agricole approvata in autunno dallo Stato Usa e che apre la strada alle coltivazioni Ogm ovunque. Se il referendum anti-ogm passasse le 6 multinazionali temono che l’esempio sarebbe seguito da altre contee dell’Oregon che potrebbero chiedere limitazioni alle coltivazioni Ogm o l’etichettatura degli alimenti geneticamente modificati.

Nonostante la legge e l’opposizione (e un ricorso) del Governatore dell’Oregon anche la Contea di Josephine a maggio avrà sulle schede elettorali un quesito simile sugli Ogm per vietare la coltivazione di piante geneticamente modificate.
Per questo il Good Neighbor Farmers ha ricevuto altri finanziamenti come i 10.000 dollari dall’Oregon Seed Council, i 7.500 di Nyssa Nampa Beet Growers Association e i 5.000 di Stimson Lumber, ma il grosso arriva dai colossi dell’Ogm planetario che stanno drenando anche contributi che stanno arrivando da tutti gli Usa. La cosa potrebbe anche rivelarsi un boomerang perché, come spiega a The Oregonian Elise Higley, direttrice di Our Family Farms Coalition, «I residenti stanno della Contea stanno prendendo atto dei contributi che arrivano da fuori Stato. E’ la dimostrazione di quanto denaro sia arrivato da fuori della nostra Contea. La reazione generale è che le persone sono veramente arrabbiate per il fatto che degli stranieri stiano versando così tanto denaro in una misura che riguarda la contea».