deutsch
english
francais
italiano
espanol
Photo
Comunicato Stampa

Comunicato stampa del 11 Aprile 2005

Sud Africa: Gli stabilimenti della BAYER contaminano la falda sotterranea.

L'Amministrazione municipale di Durban, avverte la popolazione della presenza di Cromo altamente tossico.

L'amministrazione di Durban in Sudafrica ha trovato particelle di Cromo altamente nocive nella falda acquifera. La Componente cancerogena si é riscontrata all'interno dello stabilimento chimico della Bayer a Sud della cittá. I cittadini sono stati avvisati con urgenza di non utilizzare l'acqua attinta da pozzi locali né per bere né per cucinare. Secondo le indicazioni fornite dalla Bayer la contaminazione risale a "impurezze storiche", peró ancora non é chiaro come siano finite nel sottosuolo. L'impresa ha stanziato 40 milioni di Euro per il risanamento dello stabilimento.

Umi Sankar, dirigente dell'ùfficio della Sanitá di Durban, ha invitato tutti coloro che avessero bevuto l'acqua contaminata a consultare immediatamente un medico. I rappresentati di comitati cittadini del luogo si mostrano preoccupati per la possibile infiltrazione dell'acqua sotterenea in tubature danneggiate.

Philipp Mimkes del Coalizione contro i pericoli derivanti dalla Bayer: "La Fabbrica di Cromo di Durban gode di una triste fama per i molteplici episodi di avvelenamento. I fondi stanziati devono essere utilizzati per risanare completamente lo stabilimento e risarcire tutti i danni di avvelenamento causati; la Bayer deve ripristinare nuovi fondi per casi di questo tipo."

La Bayer ha rilevato la Chrome Chemicals nel 1968 e dall'inizio degli anni 90 produce in questi stabilimenti particelle di Cromo altamente tossiche. A causa di scarse misure di sicurezza si sono verificati nell'impianto una seire di casi di avvelenamento. Lo stesso governo dell'Apartheid aveva giá fatto rapporto rispetto alle scarse misure di sicurezza e il rischio sanitario per i lavoratori. Un terzo dei dipendenti accusa gravi problemi di salute, almeno 10 lavoratori hanno riscontrato danni mortali.

In seguito alla proteste dei sindacati sudafricani e del Coalizione contro i pericoli derivanti dalla Bayer che scatenarono estesa copertura delle notizie, nel 1991 la Bayer arrestó la produzione diel Cromo esavalente e licenzió gran parte degli impiegati. Ma nonostante giá dal 1936 esista una legge in Germania che riconosce il cancro ai polmoni come malattia professionale dei lavoratori addetti al trattamento del Cromo; l'impresa si rifiutó di risarcire i lavoratori colpiti. A Durham lo stabilimento venne indirizzato alla produzione di Cromo trivalente di tossicitá inferiore.

La BAYER é fra i maggiori produttori di Cromo del mondo. L'attivitá si impiantó in Germania e Brasile, e si collegó con il Sudafrica. A nord ovest del paese la BAYER gestisce una miniera di Cromo che destina il 50% all' Impresa Chrome International South Africa, che produce sali di Cromo e Acido cromico.

Per saperne di piú: www.iol.co.za/index.php?set_id=14&click_id=125&art_id=vn20041112064725263C956167#jump