deutsch
english
francais
italiano
espanol
Photo
Lettera aperta a Bayer CropScience

30 settembre 2004

Lettera aperta a Bayer CropScience: "Lindane: una minaccia per la salute dell'uomo e per l'ambiente"

A Emil Lansu, Presidente e Amministratore Delegato di Bayer CropScience LP

Caro Sig. Lansu,
come organizzazioni attive per la promozione e la protezione della salute pubblica e dell'ambiente, le scriviamo per pregarla di ritirare volontariamente le registrazioni esistenti per tutti gli usi dell'insetticida Lindane. Come lei sa i prodotti per il trattamento dei semi che contengono questa persistente, bio-accumulativa e tossica sostanza chimica sono formulati e distribuiti negli Stati Uniti dalla vostra sussidiaria di recente acquisizione, Gustafson LLC.

Come può vedere nell'allegata lettera e dichiarazione, un ampio campionario di gruppi di interesse pubblico e di professionisti in campo sanitario sono in favore dell'immediata sospensione di qualunque uso di questa pericolosa sostanza. Attualmente il Lindane è nel mirino del Piano di Azione Regionale per il Nord America (North American Regional Action Plan) che è in via di preparazione da parte del Gruppo di Lavoro per una Corretta Gestione delle Sostanze Chimiche (Sound Management of Chemicals Working Group) facente parte della Commissione per la Cooperazione Ambientale (Commission on Environmental Cooperation). E' anche incluso nella lista delle sostanze per cui è richiesto il Consenso Informato Preventivo (Prior Informed Consent), della Convenzione di Rotterdam e sarà probabilmente uno dei principali candidati presi in considerazione per essere inclusi nella lista delle sostanze chimiche destinate all'eliminazione globale secondo la Convenzione di Stoccolma sugli Inquinanti Organici Persistenti (Persistent Organic Pollutants).

Come evidenziato nei documenti allegati l'uso del Lindane rappresenta una chiara minaccia sia alla salute umana che all'ambiente. La preghiamo vivamente di considerare l'immediato ritiro della registrazione di tutti i prodotti della Bayer contenenti Lindane.

Kristin S. Schafer, Pesticide Action Network North America
Pamela Miller, Alaska Community Action on Toxics
Jennifer Sass, Natural Resources Defense Council
Karen Perry, Physicians for Social Responsibility

Dichiarazione a sostegno dell'eliminazione dell'uso del Lindane nel Nord America (Firmata da 58 organizzazioni)

Il Lindane è una organoclorina insetticida persistente, bio-accumulativa e tossica. Esso è bandito da 17 paesi. E' dannoso per l'ambiente e per la salute umana. I bambini sono particolarmente vulnerabili agli effetti tossici del Lindane. Ricerche controllate mostrano una significativa associazione tra l'uso di shampo anti pidocchi contenenti Lindane e tumori al cervello nei bambini. L'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) e l'Agenzia per la Protezione Ambientale degli Stati Uniti (EPA) classificano il Lindane tra i possibili cancerogeni per l'uomo. Il Lindane è una potente neurotossina con sintomi che vanno da nausea, vertigini e debolezza muscolare a tremori e convulsioni a seguito di una limitata esposizione dovuta a ingestione o assorbimento cutaneo. Gli effeti cronici includono danni al sistema nervoso e malattie del fegato. L'esposizione degli utilizzatori al Lindane ha avuto come risultati malattie del sangue, mal di testa, convulsioni e danni agli ormoni della riproduzione e al sistema endocrino.

Chiediamo:
- L'immediata sospensione degli usi farmaceutici, veterinari e agricoli del Lindane sostituendoli con alternative sicure ed economicamente praticabili
- L'impegno in programmi di ricerca e informazione che sostengano alternative al Lindane, con massima priorità per alternative di minima tossicità
- La preparazione di programmii di informazione sui rischi del Lindane che enfatizzino la protezione della popolazione infantile, delle popolazioni indigene e degli utilizzatori soggetti a esposizione
- Il sostegno attivo per la rapida inclusione del Lindane tra le sostanze destinate all'eliminazione secondo l'Allegato A della Convenzione di Stoccolma sugli Inquinanti Organici Persistenti (POPs).